top of page
Cerca

Siamo emotivamente attaccati alle nostre ansie?

Aggiornamento: 18 nov 2023

Questa è una domanda che potrebbe sembrare curiosa a prima vista. Vorremmo tutti essere più sereni, no? Beh, non ne è così sicuro. Lo noto ogni giorno con i miei clienti e lo sperimento io stessa. Le ansie non sono così facili da lasciarsi alle spalle e la serenità non è così facile da installare.


Personnes qui se réconfortent par un calin

Le persone vengono da me per sentirsi meglio. Solo che quando si tratta di parlare dell'idea di dire addio alle ansie o allo stress, non è così semplice. Lo stesso vale per le nostre paure e talvolta anche per i nostri problemi in generale. Quando le ansie, lo stress o la paura non hanno un vero fondamento, quando in definitiva sono costruzioni mentali, è perché sono lì per una buona ragione e quindi non è così facile separarsene, anche se ci rendono la vita difficile.

Perché siamo intimamente connessi a ciò che ci fa soffrire?



Perché siamo attaccati alle nostre ansie?


Innanzitutto, ci tengo a precisare che non sono uno psicologo e non è la mia formazione in sofrologia che mi permette di rispondere a queste domande. D'altra parte, sono diventata una sofrologa perché queste domande mi affascinano. Questi argomenti quindi coinvolgono solo l'appassionata della vita che sono. Vengono dalla mia esperienza, dalla mia osservazione di tanti clienti, dagli scambi con i miei colleghi sofrologi e non, che arricchiscono la mia, la nostra conoscenza olistica del nostro essere e poi non per ultimo, la consapevolezza durante i miei propri momenti di meditazione o sofrologia.

Quindi, a mio parere, ci sono molte ragioni per "aggrapparsi al proprio dramma", espressione usata da Laurent E. Levy nell'eccellente documentario francese della serie Tistrya "Il potere dell'intenzione".

Siamo attaccati alle nostre ansie, ci "aggrappiamo al nostro dramma" quando, per esempio, ne abbiamo fatto la nostra identità. Le persone che si atteggiano a vittime non vogliono davvero stare meglio. Queste sono le persone che dicono di no ogni volta che chiedi loro se stanno bene. Quelle persone che hanno sempre qualcosa che non va. Sono anche persone che rivivono ogni volta le stesse situazioni. Che cambino lavoro, partner o luogo di residenza, si trovano ogni volta di fronte agli stessi problemi.

Si definiscono in base ai loro problemi, e sentirsi bene significa perdere la propria identità.

Questi tratti di personalità sono un po' caricaturali ma illustrano il mio punto di vista, in realtà tutti noi abbiamo un po' "bisogno" delle nostre ansie.



L'idea di una vita senza ansia ci fa venire l'ansia?


Ho seguito una cliente estremamente ansiosa all'idea delle cose gravi che potrebbero accadere ai suoi figli. Quando mi sono offerta di aiutarla a lasciar andare questa ansia, mi ha detto che ero sulla strada sbagliata: "Come mi sentirò per i miei figli se non ho l'ansia?"

Ho anche seguito una bambina che si stressava facilmente, quando le ho suggerito di sentirsi sempre rilassata l'ha spaventata. "Come farò a trovare la motivazione per fare i compiti se non sono stressata?"

Me l'ha detto una sofrologa specializzata in percorsi con persone affette da cancro. Un periodo molto complicato da vivere e a cui non pensiamo è la remissione. Dopo aver lottato a volte per mesi, all'improvviso la malattia non c'è più e ne consegue un vuoto a volte difficile da gestire. Tornare a una vita senza combattere non è così semplice.

E alla fine, è stato un operatore shiatsu a dirmelo spontaneamente, anche se avevo già iniziato l'articolo. "È pazzesco come le persone non vogliano davvero rilassarsi, spesso sono nervose all'idea di essere rilassate!


« La nostra paura più profonda non è quella di non essere abbastanza bravi. È che siamo potenti oltre ogni limite. Non è il nostro lato oscuro che ci spaventa, ma la nostra stessa luce » Marianne Williamson


Queste domande mi hanno fatto riflettere molto. L'angoscia è la prova del nostro amore? Lo stress è il motore della nostra motivazione a fare? È la società in cui viviamo che ci costringe ad essere così nervosi? Serenità significa nonchalance? Questo concetto mi sta molto a cuore perché è il mio lavoro. Devo offrire ai miei clienti strumenti che permettano loro di trovare quell'equilibrio tra il lasciarsi andare e l'agire.



La mia esperienza di infelicità necessaria


10 anni fa, ho fatto alcune scelte di investimento poco sagge che ancora oggi mi penalizzano finanziariamente. Sto aspettando che si risolva un processo che potrebbe liberarmene. E quando ho visualizzato la risoluzione positiva di questo processo durante una seduta di sofrologia, mi sono chiesto: cosa accadrà se l'esito sarà favorevole? Non mi si installerà in mente l'idea che posso fare scelte sbagliate senza conseguenze? Come se fosse importante che le mie decisioni sbagliate venissero punite. Quando in realtà sono stato ingannata. Mi sento estremamente fortunata. Penso di avere una vita meravigliosa. E questo ingiusto onere finanziario è la mia tragedia. In un certo senso, ne ho bisogno in modo che la mia vita non sia troppo perfetta. Perché ho questa superstizione che la perfezione attira la sfortuna.


La felicità non è una cosa seria


Alla fine, è come se non ci permettessimo di essere sereni, di essere felici. È perché ci sentiamo colpevoli di sentirsi felici quando c'è così tanta miseria e tragedia intorno a noi? Credo di sì. Quando diciamo che qualcuno è uno sciocco felice o una persona un po' "illuminata", c'è sempre questa nozione che la felicità o l'illuminazione è correlata a una mancanza di "lucidità" o a una perdita di "aderenza" alla realtà o alla ragione. Come se un adulto sano di mente non potesse permettersi di essere felice, non sarebbe serio!



Serenità per andare avanti e svilupparsi


Provare serenità non è quindi così semplice, e soprattutto non è naturale. Ci vuole tempo, una certa disciplina. Richiede di vivere nel momento presente. Mi alzo spesso alle 5:45 del mattino per avere un'ora tutta per me. Pratico la sofrologia caycediana, che mi permette di cambiare gradualmente le mie convinzioni limitanti su me stessa e la mia capacità di essere pienamente serena, pienamente felice qualunque siano le circostanze esterne. Ho un rapporto migliore con chi mi circonda perché il mio sguardo è meno focalizzato sul mio punto di vista e più sulle mie emozioni. Sto imparando a lasciar andare per essere in armonia piuttosto che lottare per avere ragione.

E allo stesso tempo attivo tutto il mio potenziale e l'energia necessaria per lo sviluppo del mio progetto professionale. Scopro ogni giorno che la serenità può essere costruttiva, non solo contemplativa. L'ansia e lo stress tendono a paralizzarmi. Al contrario, quando mi sento serena, sono più disposta ad uscire dalla mia zona di comfort, oso e sento anche che il contatto con gli altri è più fluido, le opportunità lavorative sembrano venire da sole.



Convinto?


Vedo la sofrologia come la via concreta e accessibile verso la serenità. Bastano 5 minuti al giorno per, a poco a poco, essere più consapevoli e quindi in grado di gestire meglio le nostre emozioni, il che ci rende più disponibili e quindi più efficienti nella nostra vita quotidiana.


I percorsi sofrologici sono tutti unici perché si adattano ad ogni persona rispondendo alle sue esigenze specifiche e attivando le proprie risorse.


Non esitate a contattarmi per maggiori informazioni o per fissare un appuntamento.

stefanie.sofro@gmail.com

+33665539039


Se ti piace, metti mi piace, commenta e condividi!



24 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page